Pubblicato da: alfonsomorelli | 14/04/2017

RIDUZIONE TARI UTENZE NON DOMESTICHE – Aggiornamenti 2017

RIDUZIONE TARI UTENZE NON DOMESTICHE

per chi adotta comportamenti e misure per la prevenzione ed il recupero dei rifiuti.

Sintesi delle misure adottate,  per ulteriori approfondimenti  consultare il regolamento REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 46 del 29/07/2014 con integrazioni e modifiche approvate con Deliberazione di consiglio Comunale n. 24 del 23/03/2017

 

Riduzioni per il recupero e prevenzione (art.25 Regolamento TARI):

La tariffa dovuta dalle utenze non domestiche può essere ridotta a consuntivo in proporzione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero nell’anno di riferimento, mediante specifica attestazione rilasciata dall’impresa a ciò abilitata. La riduzione, che comunque non potrà essere superiore al 100% della quota variabile della tariffa, è calcolata sulla base della quantità effettivamente avviata al recupero, rapportata ai quantitativi calcolati in base ai coefficienti di produzione Kd per la specifica categoria. Nel calcolo dei quantitativi avviati al recupero e presi in considerazione per la determinazione della riduzione, sono esclusi i rifiuti assimilati conferiti al servizio pubblico. Ai fini dell’applicazione di tale riduzione prevista per le utenze non domestiche, gli interessati sono tenuti a produrre, entro il 31 marzo dell’anno successivo, una dichiarazione resa ai sensi di legge indicante i locali e/o aree dove si producono i rifiuti che vengono avviati a recupero, corredata dai formulari di identificazione dei rifiuti avviati al recupero derivanti dall’attività esercitata da cui si evinca la tipologia e la quantità dei rifiuti stessi, nonché l’indicazione del soggetto al quale tali rifiuti sono stati conferiti. La riduzione, calcolata a consuntivo, comporta il rimborso dell’eccedenza pagata o la compensazione all’atto dei successivi pagamenti.

Prodotti sfusi e alla spina:

Gli esercizi commerciali che adottano distributori automatici “ a spina” per la somministrazione di bevande, detersivi, caffè, ed altri prodotti alimentari e non, beneficiano della riduzione del 10% della parte variabile della tariffa, previa presentazione di adeguata documentazione al comune/ente gestore e conseguente verifica. La suindicata riduzione è riconosciuta per le sole superfici destinate alla vendita dei citati prodotti e per un massimo di euro 250,00. L’esercizio che dimostra di essere un rivenditore esclusivamente di prodotti alla spina è esente dal pagamento della parte variabile

Pratica del compostaggio :

(art 31 REGOLAMENTO DI IGIENE URBANA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI)

Per le utenze non domestiche appartenenti alle categorie: Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie ;Bar, caffè, pasticceria, Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio che provvedono a smaltire in proprio gli scarti compostabili mediante compostaggio e che abbiano la possibilità di poter riutilizzare in proprio il compost autoprodotto è prevista una riduzione del 30% della quota variabile del tributo, con effetto dal giorno di presentazione di apposita istanza nella quale si attesta che verrà praticato il compostaggio in modo continuativo. Suddetta istanza sarà valida anche per gli anni successivi, purché non siano mutate le condizioni, con obbligo per il soggetto passivo di comunicare la cessazione dello svolgimento dell’attività di compostaggio. Con la presentazione della sopra citata istanza il medesimo autorizza altresì il Comune/soggetto gestore a provvedere a verifiche, anche periodiche, al fine di accertare la reale pratica di compostaggio L’acquisto della compostiera sarà a carico dell’utente che risponde della perfetta funzionalità della stessa.

 

Utilizzo degli Ecocompattatori:

alle utenze non domestiche che aderiscono al programma Ecocompattatori e che ospitano un compattatore viene riconosciuto 0,005euro/punto rilasciato ai clienti.

 

Certificazione ECOLABEL (marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea):

alle utenze non domestiche certificate “Ecolabel” sarà riconosciuta una riduzione pari al 10% della quota variabile della tariffa.

 

Azioni contro lo spreco alimentare:

  • alle utenze non domestiche rientranti nelle categorie: Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie, che aderiscono ad iniziative e campagne di sensibilizzazione contro gli sprechi alimentari, come ad esempio Legacciola Project, attraverso l’uso di contenitori biodegradabili che consenta ai clienti di portar via le eventuali eccedenze di cibo, è riconosciuta una riduzione di € 0,02 per ogni cliente che aderisce all’iniziativa fino ad un massimo di € 50,00/anno. La documentazione per ottenere la riduzione è la seguente: attestazione acquisto contenitori biodegradabili, report fotografico della comunicazione effettuata per promuovere l’utilizzo dei contenitori contro lo spreco alimentare, numero dei clienti serviti da presentare entro il 31 marzo dell’anno successivo.
  • alle utenze non domestiche che in via continuativa devolvono prodotti alimentari derivanti dalla propria attività ai fini della ridistribuzione a soggetti bisognosi aderendo ad iniziative promosse dal Comune come ad esempio al progetto “Solido”, è riconosciuta una riduzione pari a € 90,00/ tonnellata. La riduzione non potrà superare il 50 % della parte variabile della tariffa. Il riconoscimento della riduzione è subordinato alla presentazione, entro il 31 marzo dell’anno successivo, di un dettagliato elenco delle quantità di prodotti alimentari devoluti allegando copia di apposita documentazione.

 

Donazioni prodotti non alimentari:

alle utenze non domestiche che in via continuativa devolvono ad associazioni assistenziali o di volontariato, ai fini della ridistribuzione a soggetti bisognosi secondo modalità preventivamente concordate con le associazioni suddette e gli uffici comunali preposti, prodotti non alimentari derivanti dalla propria attività rispondenti ai requisiti di cui all’art. 13, comma 3 del D.lgs. n. 460 del 1997, viene riconosciuta una riduzione pari a € 10,00 per ogni quintale di prodotti devoluti, fino ad un massimo di € 50,00/anno. Il riconoscimento della riduzione è subordinato alla presentazione, entro il 31 marzo dell’anno successivo, di un dettagliato elenco delle quantità di prodotti non alimentari devoluti allegando copia di apposita documentazione.

 

Recupero dei farmaci:

alle farmacie che partecipano a progetti di recupero dei farmaci da destinarsi ad associazioni assistenziali o di volontariato regolarmente riconosciute e attive sul territorio comunale è applicata una riduzione pari al 10% della quota variabile della tariffa.

 

SCARICA REGOLAMENTO TARI

Annunci

Responses

  1. […] LEGGI LE MISURE PER LE UTENZE NON DOMESTICHE […]


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: